Come SPRECARE 40€ acquistando una smart-band cinese infima

di Andrea Cervone 0

Il prodotto di cui vi parlo oggi fondamentalmente non ha un nome, ma una sigla. Possiamo chiamarla “Smart Band impermeabile S908 GPS IP68” – come recita la scheda prodotto sul sito di TomTop – oppure “YH-19” (o qualcosa di simile) che è il numero identificativo del prodotto. Insomma, lo avrete già capito: non è stato amore con questo prodotto. Ne a prima vista, ne dopo giorni di utilizzo. Scopriamolo, però, nella nostra recensione.

YH-19 pesa 34 grammi. È leggero, compatto, a prova di sudore. Non comodissimo al polso però e il cinturino non è intercambiabile, quindi quando si rovinerà… dovrete tenervelo così. L’azienda produttrice assicura però l’impermeabilità del prodotto con standard di certificazione IP68, quindi non ci saranno problemi ad immergere la smart-band in acqua fredda e dolce fino a 2 metri.

Il primo (e solo in parte) punto di forza di questa smart-band è la presenza di uno schermo OLED da 0.96″ touch monocromatico. Una chicca non da poco che consente un’ottima visione dello schermo di notte, grazie ai neri totali. Meno bene, invece, la lettura dei contenuti sotto la luce diretta del sole, essendo stato utilizzato un OLED con tecnologia particolarmente antiquata. L’altra caratteristica convincente (almeno in teoria) sta nella presenza del GPS: peccato però che il tracciamento della posizione risulti spesso impreciso e, in generale, poco affidabile, soprattutto durante l’attività fisica.  Non malissimo, poi, il misuratore della frequenza cardiaca: dai miei test ho comunque potuto notare una certa discrepanza tra i risultati di questa band e quelli di altre di fascia superiore, nonché di strumenti professionali per la misurazione. Inoltre il frequenzimetro può essere utilizzando non solo durante l’attività fisica ma anche a riposo.

Tantissime sono poi le modalità legate al fitness: troviamo diverse tipologie di allenamento come nuoto, camminata, scalata, bicicletta, corsa, ecc. Tutte complete di informazioni aggiuntive come frequenza cardiaca, passo, velocità, calorie, ritmo, ecc) che mantengono un’affidabilità al di sotto delle aspettative e di altri prodotti della stessa fascia di prezzo. Soprattutto non abbiamo notato grosse differenze tra l’impostare una modalità specifica o una più generale durante l’attività fisica. Interessante anche la possibilità di monitorare il sonno profondo o leggero… anche se sulla mia unità non sono riuscito a far funzionare questa caratteristica della smart-band. Completano il quadro delle funzioni la possibilità di “mantenere la pelle bella” (non chiedetemi come, non l’ho capito) le statistiche sull’attività fisica e le notifiche per chiamate e applicazioni.

Il collegamento con lo smartphone (Android 4.3 o iOS 8.0 minimo) è possibile tramite Bluetooth 4.0 e la gestione della smart-band è affidata ad una specifica app disponibile gratuitamente per il download e che dovremo utilizzare per impostare praticamente tutti i parametri configurabili. Il dispositivo, una volta connesso allo smartphone e pronto per l’uso, offre un’autonomia di 20 giorni in stand by e di 5 giorni di utilizzo intenso. La durata si riduce a 6 ore nel caso in cui si utilizzi in modo intenso il GPS.

Fino a questo punto, però, potreste non aver capito il motivo per cui questa è fondamentalmente una recensione negativa. Beh, ci sta, perché non vi ho ancora parlato dell’esperienza di utilizzo. Critica, pessima, ingombrante. Non so quale sia il termine migliore, ma all’atto pratico è davvero complicatissimo interagire con questa smart-band, soprattutto durante l’attività fisica. Ci sono due pulsanti fisici sulla destra e un pulsante a sfioramento sul fronte. Il problema è che questi pulsanti non sono “ricorrenti” nel sistema: quando vi sarete convinti che con il pulsante “A” potrete eseguire sempre una specifica operazione (ad esempio richiamare un menu contestuale) scoprirete che in una specifica app quel comando farà tutt’altro. C’è bisogno quindi di dedicare diversi giorni all’apprendimento della struttura del sistema ma, nonostante questo, durante l’attività fisica sarà comunque difficile tenere a mente tutti i “percorsi” da eseguire per arrivare alla funzione o alla modalità desiderata. Male, davvero malissimo per un prodotto che comunque non possiamo definire totalmente economico.

Mi spiace, ma talvolta serve essere decisi nelle affermazioni e questo per tanti motivi. In primis per informare correttamente il lettore che deve avere piena consapevolezza di quello che sta acquistando, ma poi anche per restituire un feedback sincero alle varie aziende e agli shop che distribuiscono prodotti come questa infima smart-band cinese venduta addirittura a poco meno di 40€ su TomTop (per avere uno sconto di 9€ potete utilizzare il codice sconto HY9SG). Un prodotto che non vale assolutamente quanto richiesto e che ha ampiamente disatteso le mie aspettative… e di sicuro non ha giovato nel giudizio finale il fatto di aver testato questo prodotto di pari passo con la ben più interessante Amazfit Cor (che ha lo stesso prezzo e di cui vi parleremo nei prossimi giorni).

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.